Via Borghetto n°1 - 24020 Torre Boldone (BG)
Tel. +39 035.34.70.07 - info@medianord.it
Pubblicato in:
I nostri consigli
Autore:
legramanti
Affittare un immobile industriale
<< Back
Consigli pratici

Ci sono tanti imprenditori alla ricerca di immobili dove poter far crescere ilproprio business. A fronte di un mercato spesso stagnante in fatto dicompravendite, il mercato degli affitti è più dinamico. Ci sono però alcuneimportanti considerazioni che ritengo molto utili per fare scelte oculate.

 

1.CAPIRE QUANDO E’ MEGLIO AFFITTARE ANZICHE’ ACQUISTARE

Puòsembrare un consiglio banale, ma non lo è.

L’imprenditoreè spesso focalizzato sulla propria idea di business e gli aspetti correlati nonsono sempre al centro dei suoi interessi. Spesso poi l’imprenditore nonpossiede la giusta capacità tecnica per affrontare tutte le tematiche legate allo sviluppo immobiliare. Proprio per questo motivo è importante che si lasciaffiancare da chi sa analizzare con lucidità la situazione tecnica e finanziariadi partenza. Un consulente immobiliare fidato, magari in team con altri professionisti, è certamente in grado di predisporre un business-plan ragionato sull’investimento immobiliare più opportuno. 

 

2. ESSERE APERTI ALLE NUOVE OPPORTUNITA’

Partiamo dal presupposto che chi cerca un immobile industriale in affitto oggi può fare un buon affare.

Un immobile industriale vuoto- e in questo periodo non mancano- è un debito perchi lo possiede sia perché potrebbe essere ancora sottoposto a mutuo, siaperché porta con sé spese di mantenimento considerevoli (IMU, Tassa rifiuti,manutenzioni, deperimento dell’immobile etc.… )

Rivolgersi a un consulente che ha i contatti giusti ed è in grado di sfruttare i canali di informazione più rapidi ed efficaci può essere determinante per acquisire le informazioni necessarie a chiudere un vero affare! Del resto, far incontrare al meglio domanda e offerta è il compito primario di un professionista immobiliare.

 

3. COGLIERE I VANTAGGI DI STRUMENTI INNOVATIVI

Esistono soluzioni contrattuali innovative che bisogna tenere in considerazione, anche se inizialmente possono sembrare complicate.

In questi anni ho consigliato a tanti clienti il contratto di locazione con opzione di acquisto a prezzo  predeterminato.

Facciamo un esempio concreto: sono un giovane imprenditore e ancora non dispongo di tutto il capitale necessario o della indispensabile credibilità finanziaria per acquistare un capannone industriale. Le banche non sono disposte a concedermi il prestito di cui necessito. Decido di affittare un capannone e stipulo uncontratto di locazione secondo norma standard 6+6.

Con il proprietario dell’immobile concordo di abbinare al contratto di locazione un’opzione di acquisto a mio favore che miconcede la facoltà di acquistare a un prezzo determinato oggi ed entro unarco temporale stabilito  l’immobilein questione.

(Tre anni di solito sono l’arco temporale più corretto per tutelare il valore delbene.)

Dulcis in fundo, concordo con ilproprietario che il prezzo pattuito in via preventiva per l’acquisto del bene dovrà tener conto di una quota parte che ho già versato a titolo di canone d’affitto (ad esempio il 50 % dei canoni versati).

Risultato?Chi compra ha la certezza di non aver investito inutilmente liquidità in anni di locazione e chi è intenzionato a vendere dà modo alla persona interessata di raccogliere il capitale necessario, percependo nel frattempo l’entrata fissa di un canone.

 

4. CONOSCERE I PARAMETRI DI RIFERIMENTO PERI CANONI D’AFFITTO

Per capire se un contratto di locazione è corretto o meno, è sempre bene rivolgersia un professionista immobiliare per un parere di congruità valore bene/prezzorichiesto.

Vigendo un sistema di libero mercato, è normale che ci siano parametri precisi che è necessario valutare prima di fare scelte economiche che potrebbero rivelarsianche molto impegnative per un’azienda.

L’ubicazione, il livello di manutenzione, i servizi della zona, gli spazi, le caratteristiche specifiche dell’immobile sono tutti elementi che incidono notevolmente nelladeterminazione del canone d’affitto.

 

 

5. CONTROLLARE LE OFFERTE SOLO DI IMMOBILINUOVI NON SEMPRE E’ CONVENIENTE

Ancora oggi sono in molti a prendere in considerazione solo immobili nuovi, sia perl’acquisto sia per l’affitto.

E invece in momenti economici come quello attuale, in cui è sempre più necessariocontrollare con attenzione i costi di start-up, penso sia consigliabilemonitorare anche immobili industriali dismessi che spesso già possiedono alloro interno beni strumentali utili per specifiche iniziative imprenditoriali eche magari sono già strutturati in maniera consona per determinati utilizzi.

Prendere in affitto questi immobili significa spesso abbattere notevolmente gliinvestimenti iniziali.

 

In conclusione, ricordiamoci sempre che più teste ragionano meglio di una.
Affidarsi a un consulente o ad un team di consulenti, sebbene possa generarecosti economici  iniziali, diventa difondamentale importanza per compiere scelte che potranno poi sancire il vero successo di un’iniziativa economica.

Analizzare preventivamente tutti i fattori - valori economici, verifica dell’immobile  rispetto all’attività svolta,  verifica della congruità dell’insediamento produttivo nell’ambito di una amministrazione comunale, rispetto delle questioni ambientali relative al territorio e alla amministrazione stessa sono tuttielementi che faranno certamente la differenza tra una azienda che ha davvero la possibilità di concentrarsi sul proprio core-business e una azienda che è sempre alla rincorsa  di soluzioniprovvisorie per aggiustare il tiro rispetto a scelte iniziali improvvisate edestemporanee.